Previous ◁ | ▷ Next

 

 

ONORE A CHI HA DATO LA VITA PER LA PATRIA

 

 

 

 

 La prima guerra mondiale (Grande guerra) cominciò il 28 luglio 1914 con la dichiarazione di guerra dell’Austria alla Serbia a seguito dell’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d’Austria. L’Italia entrò in guerra il 23 maggio 1915 contro l’Austria –Ungheria.

     Molti delle più grandi battaglie della storia avvennero nel corso di questa guerra con gravissime perdite di vite umane. Per noi italiani la battaglia di Vittorio Veneto, combattuta tra il 24 ottobre ed il 3 novembre 1918, presso Vittorio Veneto, fu l’ultimo epico scontro tra l’Italia e l’Austria e si concluse con  la  totale capitolazione e ritirata dell’esercito austro-ungarico segnando la fine della guerra sul fronte italiano.

     L’Italia contò 650.000 morti, 947.000 feriti e 600.000 dispersi o prigionieri.

 

     A oltre novant’anni di distanza che senso può avere questo triste elenco? La risposta dovrebbe essere molto semplice e spontanea: tutti questi morti fanno parte delle nostre radici, della nostra memoria che non va dimenticata, perché essi sono parte viva del grande amore che si deve avere per Filandari e per l’Italia.  

 

   

 

 

  I nomi dei nostri concittadini sono stati tratti dal testo del Ministero della Guerra “Militari caduti nella Guerra Nazionale 1915 – 1918” Albo d’oro.

 

 

Caduti di Filandari

1915 -1918

 

 

           ARTUSA FRANCESCO  Soldato del 50° Reggimento di Fanteria, nasce il 23 gennaio 1882. Muore in combattimento sul Monte Forame il 29 agosto 1916.

          

  ARTUSA VINCENZO  Soldato del 30° Reggimento di Fanteria, nasce il 19 gennaio 1889. Muore in combatti- mento sul Monte San Martino, il 31 ottobre  1915.

        

 DEODATO ANTONINO  Soldato del 18° Reggimento Batteria Bombardieri, nasce l'11 luglio 1888. Muore in combattimento il 14 agosto 1916 sul Monte Zebio.

         

  DE VITA PASQUALE Soldato del 3° Reggimento Genio, nasce il 29 aprile 1892. Risulta disperso in combattimento dal 25 ottobre 191 7.

         

 DI CARLO GIUSEPPE Soldato del 226° Reggimento di Fanteria, nasce il 7 novembre 1892. Muore in combattimento il 19 marzo 1918.

          

  DICARLO PIETRO Soldato del 48° Reggimento di Fanteria, na-sce il 28 luglio 1894. Muore per asfissia causata da gas velenosi sul Monte San Michele il 29 giugno 1916.

         

 FULCHI DOMENICO Soldato del 3° Reggimento di Fanteria, na-sce il 2 gennaio 1893. Muore in combattimento il 3 luglio 1916.

       

 GAGLIARDI ANTONIO Soldato del 48° Reggimento di Fanteria, na-sce il 24 febbraio 1891. Muore in combatti-mento il 18 luglio 1915.

        

   GARISTO VINCENZO  Soldato del 70° Reggimento di Fanteria, nasce il 16 gennaio 1881. Muore in combattimento il 18 luglio 1916.

          

 GRILLO DOMENICO  Soldato del 77° Reggimento di Fanteria, nasce il 31 gennaio 1897. Muore in combattimento il 20 dicembre 191 7.

        

  LASCALA ANTONINO  Soldato del 48° Reggimento di Fanteria, nasce il 27 giugno 1889. Muore in combattimento a Polazzo il 5 Luglio 1915.

       

  MACCARONE NICOLA  Soldato del 30° Reggimento di Fanteria, na sce il 23 aprile 1892. Risulta disperso in  combattimento sul Carso dal 14 agosto  1916.

         

  MAZZEO GIUSEPPE Soldato del 19° Reggimento di Fanteria, nasce il 24 agosto T885. Risulta disperso in combattimento sul Carso dal 5 giugno 1917.

           

  MELIA PIETRO Soldato del 48° Reggimento di Fanteria, na-sce il 30 novembre 1890. Muore nell'Ospedale militare di Napoli per malattia il 2 lu-glio 1919.

         

 MORICCA PASQUALE Caporalmaggiore dell'82° Reggimento di Fanteria, nasce il 19 febbraio 1894. Ferito in combattimento, muore nell'Ospedaletto da Campo n° 59, il 21 ottobre 1915.

          

 PESCE ANTONINO Soldato del 10° Reggimento di Fanteria, na-sce il 7 marzo 1892. Muore in combattimento per asfissia causata da gas velenosi sul Monte San Michele il 29 giugno 1916.

 

POLICARO GIUSEPPE Soldato del 122° Reggimento di Fanteria, nasce l'1 aprile 1893. Ferito in combatti-mento, muore nella 37° Sezione di Sanità il 29 giugno 1918.

      

ROMANELLO FRANCESCO Soldato del 141° Reggimento di Fanteria, nasce l'I luglio 1896. Risulta disperso in combattimento sul Monte Cimone dal 23 settembre 1916.

      

 SCORDAMAGLIA GIUSEPPE  Soldato del 141° Reggimento di Fanteria,  nasce il 17 giugno 1890. Muore a Filandari  per malattia il 18 novembre 1915.

          

VALLONE BARTOLO  Soldato dell'850 Reggimento di Fanteria,  nasce il 5 settembre 1895. Muore in combattimento il 6 dicembre 1917.

            

VANGELI PIETRO Soldato del 79° Reggimento di Fanteria, nasce il 25 novembre 1894. Risulta disperso in combattimento sulla Bainsizza dal 30 agosto 1917.

         

 VENTRICI ANNIBALE Soldato del 2° Reggimento Artiglieria da Fortezza, nasce il 3 gennaio 1885. Muore a La Spezia per malattia il 12 giugno 1918.

         

 VENTRICI GIUSEPPE  Soldato del 231° Reggimento di Fanteria,  nasce il 26 aprile 1894. Muore in combattimento il 9 agosto 1916.

        

  ZAGARI DOMENICO  Soldato del 48° Reggimento di Fanteria, nasce il 15 luglio 1897. Muore a Lodi per malattia il 31 dicembre 1915.

 
 
Condividi

SISTEMA ANTIFURTO AWACS PLATINUM

Centrale d'allarme radio supervisonata bifrequenza per le piccole utenze.

Centrale d’allarme radio dotata di un ricevitore a doppia frequenza di nuova progettazione per la massima sicurezza di comunicazione con i dispositivi satellite. Progettata per impianti di piccole dimensioni che non richiedono un’elevata complessità di gestione. Può operare in modalità supervisionata. Dispone di: 2 zone filari e 14 radio, gestisce fino a 8 radiocomandi. Due settori per la gestione personalizzata dell’impianto. Programmazione molto semplice delle varie modalità operative e funzioni tramite menù e sottomenù guidati e intuitivi. Autoapprendimento dei sensori radio e radiocomandi. Impostazione per ogni zona radio della modalità di allarme: “percorso”, “and”, “campanello”. Memorizzazione degli eventi, anche dei sensori momentaneamente esclusi. Visualizzazione rapida delle anomalie. Rilevamento e memorizzazione per ogni sensore dell’ampiezza del segnale radio. Rilevamento e segnalazione di banda radio oscurata per ogni frequenza. Vari livelli di ripristino dei dati di default. Inserimento totale o parziale da tastiera o radiocomando. I sensori memorizzati possono essere liberamente associati ai due settori anche contemporaneamente. Gestisce segnali di antiaggressione o telesoccorso dal radiocomando. Uscite elettriche dei principali stati della centrale. La memoria registra fino a 256 eventi in ordine cronologico identificando: radiocomandi, sensori, stati, orario e modalità d’inserimento / disinserimento totale o parziale. La massima distanza di ricezione dei segnali radio è di 300 m circa in area libera (all’interno degli edifici le massime distanze dipendono dalla consistenza dei muri e dei solai nonché dalla configurazione ambientale).

 

SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA PROFESSIONALI