Previous ◁ | ▷ Next

 

 

VITTIME DEL COMUNE DI FILANDARI NEL BOMBARDAMENTO DEL 10 LUGLIO 1943

 


 

 

Nel nostro comune, purtroppo, ci furono anche delle vittime civili per effetto delle incursioni aeree anglo-americane sul campo d’aviazione “Luigi Razza” di Vibo Valentia. Infatti, sabato 10 luglio 1943, alle 19,25 circa, 60 quadrimotori entrati in maglia da Locri hanno attaccato l’aeroporto colpendo anche alcune località del territorio di Filandari (contrada Pistari e Maiorana) causando la morte dei nostri concittadini qui di seguito nominati.

 

CORSO ANTONIO di Fortunato e di Piserà Alfonsina. Anni 14.

 

CORSO IGNAZIO di Fortunato e di Piserà Alfonsina. Anni 20.

 

 CORSO SALVATORE di Fortunato e di Piserà Alfonsina. Anni24.

 

 POLICARO FRANCESCO di Gesuele e di Piserà Michelina. Anni 11.

 

 POLICARO GIUSEPPE di Gesuele e di Piserà Michelina. Anni 3.

 

 VANGELI MARIA CONCETTA di Francesco e di Vangeli Maria Antonia. Anni 33.

 

 CURRA' BERNARDO di Giovan Battista e di Pagnotta Lucrezia. Anni 44.

 

 CURRA' GIOVAN BATTISTA di Bernardo e di Ruffa Margherita. Anni 71.

 

 CURRA' GRAZIA di Bernardo e di Currà Maria Rosaria. Anni 2.

 

 CURRA' MARIA ROSARIA di Domenico e di loppolo Maria Barbara. Anni 41

 

 VALLONE ISABELLA di Carmelo e di Minico Francesca. Anni 18

 

VALLONE MARIA CONCETTA di Carmelo e di Minico Francesca. Anni 11.

 

 

 

Condividi

SISTEMA ANTIFURTO AWACS PLATINUM

Centrale d'allarme radio supervisonata bifrequenza per le piccole utenze.

Centrale d’allarme radio dotata di un ricevitore a doppia frequenza di nuova progettazione per la massima sicurezza di comunicazione con i dispositivi satellite. Progettata per impianti di piccole dimensioni che non richiedono un’elevata complessità di gestione. Può operare in modalità supervisionata. Dispone di: 2 zone filari e 14 radio, gestisce fino a 8 radiocomandi. Due settori per la gestione personalizzata dell’impianto. Programmazione molto semplice delle varie modalità operative e funzioni tramite menù e sottomenù guidati e intuitivi. Autoapprendimento dei sensori radio e radiocomandi. Impostazione per ogni zona radio della modalità di allarme: “percorso”, “and”, “campanello”. Memorizzazione degli eventi, anche dei sensori momentaneamente esclusi. Visualizzazione rapida delle anomalie. Rilevamento e memorizzazione per ogni sensore dell’ampiezza del segnale radio. Rilevamento e segnalazione di banda radio oscurata per ogni frequenza. Vari livelli di ripristino dei dati di default. Inserimento totale o parziale da tastiera o radiocomando. I sensori memorizzati possono essere liberamente associati ai due settori anche contemporaneamente. Gestisce segnali di antiaggressione o telesoccorso dal radiocomando. Uscite elettriche dei principali stati della centrale. La memoria registra fino a 256 eventi in ordine cronologico identificando: radiocomandi, sensori, stati, orario e modalità d’inserimento / disinserimento totale o parziale. La massima distanza di ricezione dei segnali radio è di 300 m circa in area libera (all’interno degli edifici le massime distanze dipendono dalla consistenza dei muri e dei solai nonché dalla configurazione ambientale).

 

SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA PROFESSIONALI